Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Gli effetti dell’accertamento con adesione di società di persone nei confronti dei soci non aderenti

11 Luglio 2019 | di Simone Marzo

Cass. 8 maggio 2019, n. 12137

Accertamento con adesione

Non sussiste litisconsorzio necessario nell’ipotesi in cui un socio di società di persone impugni l’avviso emesso a suo carico sulla base dell’accertamento con adesione perfezionato dalla società e avente ad oggetto maggiori redditi imputati per trasparenza, poiché l’adesione della società ha efficacia vincolante anche per il socio non aderente. Questi può impugnare soltanto per motivi di carattere personale.

Leggi dopo

Ammissibilità delle dichiarazioni di terzi e indagini bancarie

03 Luglio 2019 | di Maurizio Villani, Alessandra Rizzelli

Cass. 16 maggio 2019 n. 13174

Giudizio di primo grado

Il contribuente può introdurre, nel giudizio innanzi alle Commissioni tributarie, dichiarazioni rese da terzi in sede extraprocessuale. Tali dichiarazioni devono assurgere a rango di indizi, che necessitano di essere valutati congiuntamente ad altri elementi.

Leggi dopo

L’Amministrazione fiscale non può disconoscere il meccanismo di rettifica dell’IVA

28 Giugno 2019 | di Angelo Carlo Colombo, Vincenzo Cristiano

C.Giust. UE 8 maggio 2019 C-127/18

Evasione fiscale

La base imponibile IVA è costituita dal corrispettivo effettivamente percepito dal soggetto debitore d’imposta. L'Amministrazione finanziaria non può quindi richiedere a titolo di IVA un importo superiore a quello percepito dal soggetto passivo.

Leggi dopo

Qualificazione di “esterovestizione societaria” risolutiva per contestare la spettanza di un rimborso della ritenute sui dividendi

21 Giugno 2019 | di Antonino Marino

Cass. 28 maggio 2019 n. 14527

Giudizio di cassazione

Il fatto che gli amministratori di una holding olandese non avessero formalmente la residenza nel paese comunitario in cui il soggetto controllante risulti aver stabilito la propria sede effettiva e che la medesima holding si occupasse unicamente della gestione di pacchetti azionari, non possono essere assunti alla stregua di fattori da soli determinanti per operare contestazioni relative alla esterovestizione societaria.

Leggi dopo

Aliquote IRAP maggiorate sugli istituti finanziari

19 Giugno 2019 | di Giovambattista Palumbo

C. Cost., 28 maggio 2019, n. 128

Giurisdizione e competenza

In base alla normativa nazionale, per l'anno di imposta 2002, l'aliquota IRAP stabilita per gli istituti di credito in via transitoria era pari al 4,75%. A decorrere dal terzo anno successivo a quello di emanazione del decreto legislativo n. 446/97, si attribuiva poi alle Regioni la facoltà di variare l'aliquota fino ad un massimo di un punto percentuale, avendo la giurisprudenza costituzionale però già chiarito che tale facoltà di variazione era riferibile alla sola aliquota ordinaria, al 4,25% e non anche alle aliquote speciali, già maggiorate. La disciplina del tributo in esame rientrava peraltro...

Leggi dopo

Soggettività passiva IMU delle società di leasing nei casi (eccezionali) di risoluzione della locazione finanziaria senza riconsegna del bene

13 Giugno 2019 | di Giovanni Incerto

Cass. civ., sentenza 22 maggio 2019, n 13793

IMU

Con la risoluzione del contratto di leasing la soggettività passiva ai fini IMU si determina in capo alla società di leasing, anche se essa non ha ancora acquisito la disponibilità materiale del bene per mancata riconsegna da parte dell’utilizzatore. Ciò in quanto il legislatore ha ritenuto rilevante, ai fini impositivi, non già la consegna del bene e quindi la detenzione materiale dello stesso, bensì l'esistenza di un vincolo contrattuale che legittima la detenzione qualificata dell'utilizzatore.

Leggi dopo

Agevolazione ICI per terreno agricolo: estensione anche al coltivatore diretto partecipe nella società conduttrice

11 Giugno 2019 | di Giuseppe Caracciolo

Cass. civ., sez. trib.

IMU

In tema di ICI, l'agevolazione di cui all'art. 9 del D.Lgs. n. 504/1992, consistente nell'esenzione dell'imposta fino ad un determinato limite di valore del terreno che abbia destinazione agricola, si applica - a seguito della modifica dell'art. 12 della L. n. 153/1975 da parte dell'art. 10 del D.Lgs. n. 228/2001 e della sua successiva abrogazione e sostituzione con l'art. 1 del D.Lgs. n. 99/2004 - anche ai possessori dei terreni condotti da società agricola di persone nella quale il possessore partecipi con diretto esercizio della sua forza lavoro, qualora detta società possa essere considerata imprenditore agricolo professionale a mente del ridetto art. 1.

Leggi dopo

Riscossione imposte: prescrizione decennale anche in caso di giudicato di inammissibilità

06 Giugno 2019 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib.

Riscossione coattiva

Il diritto alla riscossione di un'imposta, azionato mediante emissione di cartella di pagamento e fondato su un accertamento divenuto definitivo a seguito di sentenza passata in giudicato, non è assoggettato ai termini di decadenza di cui all'articolo 25 del d.P.R. n. 602/1973 (nel testo vigente "ratione temporis"), bensì al termine di prescrizione decennale previsto dall'art. 2953 c.c. per l'actio iudicati, irrilevante la circostanza che la statuizione giudiziale che ha determinato la definitività della pretesa erariale sia consistita nella declaratoria di inammissibilità per tardività dell'originario ricorso del contribuente.

Leggi dopo

Diritti del contribuente e verifiche in loco: contraddittorio esteso a enti locali e concessionarie dei servizi di riscossione

30 Maggio 2019 | di Aldo Natalini

Cass. civ., sez. trib.

Contraddittorio

In tema di diritti del contribuente sottoposto ad accertamenti fiscali, le garanzie relative alla “permanenza degli operatori civili o militari dell'amministrazione finanziaria” presso attività commerciali o professionali previste dall'art. 12 della Legge n. 212/2000 (cd. Statuto del contribuente) riguardano tutte le verifiche eseguite (non solo dalla Guardia di Finanza ma) dagli “organi di controllo” in genere, compresi gli enti locali, valendo, per identità di ratio, anche per le società a cui gli enti impositori affidino, in concessione, compiti di accertamento e riscossione delle imposte, ivi inclusi gli adempimenti strumentali di rilevazione di dati necessari alla determinazione della base imponibile.

Leggi dopo

Richiesta di rimborso e concetto di buona fede

27 Maggio 2019 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ., sez. trib.

Affidamento e buona fede del contribuente

In tema di imposte sui redditi, l'art. 38 del d.P.R. n. 602/1973 autorizza la presentazione dell'istanza di rimborso non solo in caso di errore materiale, ma anche in quello di inesistenza totale o parziale dell'obbligo di versamento, ed opera in maniera indifferenziata in tutte le ipotesi di ripetibilità del versamento indebito.

Leggi dopo

Pagine