Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Avviso di accertamento

Identificazione nominativa del delegato alla sottoscrizione dell'accertamento: sola delega di funzioni e non anche di firma

15 Maggio 2019 | di Giuseppe Caracciolo

Cass. Civ., sez. trib.

Avviso di accertamento

In tema di delega alla sottoscrizione di accertamento tributario, non è richiesta alcuna indicazione nominativa della persona del delegato allorché si tratti di fare attuazione dell'istituto della ‘delega di firma', siccome appare conforme alle esigenze di buon andamento e di legalità della pubblica amministrazione ritenere che, nell'ambito dell'organizzazione interna dell'ufficio, la ridetta delega di firma possa avvenire, come nella specie, attraverso l'emanazione di ordini di servizio che abbiano valore di delega e che individuino il soggetto delegato attraverso l'indicazione della qualifica rivestita dal delegato, la quale parimenti consente la successiva verifica della corrispondenza fra il sottoscrittore e il destinatario della delega stessa.

Leggi dopo

È legittimo l'accertamento che non si esprime sulle osservazioni del contribuente

21 Marzo 2019 | di Angelo Ginex

Cass. civ., sez. trib.

Avviso di accertamento

In tema di verifiche fiscali, nessuna nullità è comminata all'avviso di accertamento silente in merito alle osservazioni e alle richieste di cui all'art. 12, co. 7, L. 212/2000, presentate dal contribuente all'Amministrazione finanziaria a seguito della conclusione dell'attività accertatrice svolta dai rappresentanti della Guardia di Finanza.

Leggi dopo

Accertamento, notizia anonima non equivale ad indizio

04 Dicembre 2018 | di Enzo Di Giacomo

Cass. civ., sez. trib.

Avviso di accertamento

In caso di accesso domiciliare autorizzato dell’Autorità Giudiziaria, il giudice tributario deve verificare che il relativo provvedimento sia motivato e che faccia riferimento ad elementi riconosciuti come indizi. L’obbligo di motivazione del provvedimento di autorizzazione all’accesso domiciliare risulta assolto solo se sono indicate la nota e l’autorità richiedente nonché la specificazione dei gravi indizi di violazione della legge fiscale.

Leggi dopo

Accesso nei locali, accertamento invalido prima dei sessanta giorni

25 Ottobre 2018 | di Enzo Di Giacomo

Cass. civ., sez. VI

Avviso di accertamento

In caso di accesso nei locali della società, l’accertamento emesso prima dei 60 giorni è invalido se il contribuente ha già consegnato i documenti all’Amministrazione finanziaria.

Leggi dopo

Accertamento bancario, prova al contribuente

08 Agosto 2018 | di Enzo Di Giacomo

CTP Rieti

Avviso di accertamento

In tema di accertamento su operazioni in conto corrente bancario, la prova liberatoria grava sul contribuente e si commisura necessariamente alla natura e consistenza degli elementi utilizzati dall'Amministrazione finanziaria. I prelevamenti e i versamenti operati su conti correnti bancari vanno imputati a ricavi riconducibili al contribuente se questi non dimostra che sono estranei alla produzione.

Leggi dopo

L'irreperibilità del contribuente giustifica l'emissione dell'avviso di accertamento ante tempus?

16 Maggio 2018 | di Rosaria Giordano

Cass. civ.

Avviso di accertamento

In tema di verifica fiscale condotta presso la sede dell'impresa, l'inosservanza del termine dilatorio di sessanta giorni previsto dall'art. 12, comma 7, della L. n. 212/2000, per l'emanazione dell'avviso di accertamento non è giustificata, nell'ipotesi di irreperibilità del contribuente, dal breve lasso temporale intercorrente tra la scadenza del termine dilatorio e quella del termine di decadenza del potere accertativo.

Leggi dopo

Valida l'istanza d'accertamento con adesione spedita con raccomandata senza ricevuta di ritorno

27 Marzo 2017 | di Cristiano Gobbi

Cass. civ.

Avviso di accertamento

È valida l'istanza di accertamento con adesione ex art. 6 D.Lgs. n. 218/1997 spedita all'Ufficio con raccomandata senza ricevuta di ritorno ed in busta chiusa, purché sia rispettato il termine di sessanta giorni dalla notifica dell'atto impositivo.

Leggi dopo

Delega alla sottoscrizione: se contestata, deve essere prodotta in giudizio per il vaglio

24 Febbraio 2017 | di Antonio Scalera

Cass. civ.,

Avviso di accertamento

Con la sentenza in rassegna, la Corte di Cassazione ha ribadito il proprio orientamento, ormai consolidato, secondo cui la delega alla sottoscrizione, ove contestata, deve essere prodotta in giudizio al fine di consentire un vaglio giudiziale sulla stessa. L'onere della produzione grava ovviamente sull'Ufficio, al quale spetta dimostrare se effettivamente vi sia stato il legittimo esercizio di una delega preventivamente concessa.

Leggi dopo

L'invalidità dell'incarico dirigenziale non travolge anche la validità della delega di firma

17 Agosto 2016 | di Ignazio Gennaro

CTP Enna

Avviso di accertamento

È nullo l'avviso di accertamento che sia stato sottoscritto da un soggetto in capo al quale non sussista la qualifica di dirigente dell'Ufficio impositore, o rispetto al quale non sussista legittima delega di firma.

Leggi dopo

Validi gli atti dell’Agenzia delle Entrate sottoscritti dai dirigenti “decaduti”

24 Novembre 2015 | di Francesco Brandi

Cass. civ., sez. trib., 9 novembre 2015, n. 22810

Avviso di accertamento

In ordine agli avvisi di accertamento, l’art. 42, D.P.R. n. 600/1973, impone sotto pena di nullità che l'atto sia sottoscritto dal "capo dell'ufficio" o "da altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato", senza richiedere che il capo dell'ufficio o il funzionario delegato abbia a rivestire anche una qualifica dirigenziale.

Leggi dopo

Pagine