Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

La indubbia rilevanza della competenza territoriale nella frode fiscale e le ipotesi di deroga

21 Gennaio 2020 | di Antonino Marino

Giurisdizione e competenza

La competenza territoriale per i reati tributari non risponde ad un criterio univoco, applicabile per tutte le fattispecie di riferimento, dal momento che sono sancite regole specifiche per le singolari ipotesi delittuose contenute nel D.Lgs. 74/2000 (Cass. pen. 4 ottobre 2019 n. 45965).

Leggi dopo

Avvocati del Libero Foro per Agenzia Entrate Riscossione: la pronuncia chiarificatrice delle Sezioni Unite

16 Gennaio 2020 | di Elena Giacoletti

Assistenza tecnica

L’Agenzia delle Entrate Riscossione, impregiudicata la facoltà di avvalersi anche dei propri dipendenti delegati davanti al Tribunale e al Giudice di pace, per la rappresentanza e la difesa in giudizio si avvale dell’Avvocatura dello Stato nei casi ad essa riservati, o se vi siano questioni di massima rilevanza o con notevoli riflessi economici. In alternativa e senza bisogno di formalità, può farsi difendere da Avvocati del libero foro (Cass. SU 11 novembre 2019 n. 30008).

Leggi dopo

Deducibilità dei costi di transazione con i clienti per prevenire controversie relative a cattivi investimenti

10 Gennaio 2020 | di Elisa Pala

Giudizio di cassazione

La Cassazione analizza i profili di deducibilità di alcuni particolari costi, difficilmente inquadrabili come inerenti senza un'attenta analisi preventiva. Per essere ritenuti inerenti, i costi devono considerarsi utili all'oggetto sociale della azienda. Ogni singola attività va valutata sull'idoneità ad entrare nel processo di formazione del reddito d’impresa, come dettato dall’art. 109 TUIR (Cass. 5 novembre 2019 n. 28355).

Leggi dopo

La richiesta di documenti priva di dettaglio rende illegittimo l’accertamento induttivo

02 Gennaio 2020 | di Mauro Tortorelli

CTP Avellino 18 novembre 2019 n. 1131.pdf

Accertamento induttivo

Nei confronti del contribuente, il criterio di correttezza e buona fede comporta l’inibizione della produzione in giudizio della documentazione non esibita in sede amministrativa. Nei confronti dell’Ufficio, si impone la formulazione dettagliata dei documenti richiesti. La violazione inibisce la facoltà di avvalersi dell’accertamento induttivo “puro o extracontabile” (CTP Avellino 18 novembre 2019 n. 1131).

Leggi dopo

La motivazione dell’avviso di accertamento è modificabile in sede contenziosa se c’è disposizione del giudice

19 Dicembre 2019 | di Debora Mirarchi

Avviso di accertamento

La motivazione dell’avviso di accertamento, se carente in ordine ai presupposti di fatto o di diritto posti a fondamento della pretesa, può essere ex post modificata e/o integrata anche nella successiva fase processuale, se disposto dal giudice, in contraddittorio con la parte (CTR Molise 10 settembre 2019 n. 505).

Leggi dopo

Classificazione di “parti” e “accessori”: per la voce doganale rileva la funzione specificamente svolta dal prodotto

09 Dicembre 2019 | di Sara Armella

Dogane

In base alla nomenclatura combinata, un prodotto è da classificare nella voce o sottovoce doganale di un altro prodotto solo se ne costituisce parte e, dunque, sia indispensabile per il funzionamento, ovvero accessorio, e quindi tale da renderlo atto a un particolare lavoro e da conferirgli possibilità supplementari o, ancora, da metterlo in grado di assicurare servizi ulteriori rispetto alla funzione principale (Cass. 15 ottobre 2019 n. 25966).

Leggi dopo

Il rigetto delle osservazioni difensive deve essere puntualmente motivato

03 Dicembre 2019 | di Piero Bellante

C.Giust. UE 16 ottobre 2019 C-189/18

Contraddittorio

Il «diritto di essere ascoltati» nell’ambito di un contraddittorio implica che l’amministrazione debba prestare l’attenzione necessaria alle osservazioni presentate dall’interessato e, prima di adottare una decisione sfavorevole, debba esaminare in modo accurato ed imparziale tutti gli elementi rilevanti della fattispecie motivando in modo circostanziato la decisione (C.Giust. UE 16 ottobre 2019 C-189/18).

Leggi dopo

Plafond: rileva l'anno dell'operazione originaria

29 Novembre 2019 | di Francesco Brandi

IVA

In tema di IVA e con riferimento al regime della sospensione del pagamento dell'imposta previsto per le cessioni all'esportazione, si deve fare riferimento, ai fini del plafond per beneficiare dell'agevolazione, all'anno di registrazione della fattura relativa all'operazione originaria e non a quello di registrazione del documento fiscale con cui vengono apportate modifiche alla predetta fattura, nel rispetto della procedura di variazione (Cass. 10 ottobre 2019 n. 25485),

Leggi dopo

Quando l’inerzia del Fisco è punita per lite temeraria

18 Novembre 2019 | di Marco Ligrani

Esecuzione della sentenza

Costituisce causa di responsabilità processuale aggravata la mancata adozione degli atti conseguenti alla sentenza, pur non definitiva, che annulla una pretesa tributaria. Va condannato al risarcimento del danno da lite temeraria l’agente della riscossione quando non abbia annullato l’intimazione di pagamento conseguente a una cartella a sua volta annullata con sentenza, anche se non definitiva (CTP Bari 19 settembre 2019 n. 801).

Leggi dopo

Cessioni extraterritoriali senza IVA anche in caso di acquirente non identificato

11 Novembre 2019 | di Angelo Carlo Colombo, Vincenzo Cristiano

IVA

È contraria alla normativa europea una norma che neghi l’esistenza di una cessione di beni e quindi l’esenzione IVA, qualora i beni interessati siano stati esportati fuori dell’Unione e, successivamente, le autorità abbiano constatato che l’acquirente era non già il soggetto menzionato nella fattura redatta dal soggetto passivo, bensì un ente diverso non identificato (C.Giust. UE 17 ottobre 2019 C-653/18).

Leggi dopo

Pagine