Focus

Focus

Il nuovo abuso del diritto o elusione fiscale

05 Ottobre 2015 | di Massimo Scuffi

Delega fiscale

L’art. 5 della L. 23/2014 (delega fiscale) – allo scopo di dare maggior certezza al sistema tributario ed ai rapporti tra fisco e contribuente – ha aperto la strada all’introduzione nel nostro ordinamento di una norma generale sull’abuso del diritto delineando una vera e propria anti-avoidance rule costruita sulle soluzioni definitorie elaborate dalla giurisprudenza.

Leggi dopo

Il restyling dell'interpello

05 Ottobre 2015 | di Pierpaolo Ceroli

Interpello

Nell’ambito della legge delega per la realizzazione di un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita (legge 11 marzo 2014, n. 23) una parte rilevante è rivestita dal restyling dell’istituto dell’interpello nell’ottica di realizzazione della cd. tax compliance. Motivo questo che ha indotto, nel contesto delle misure volte a rafforzare la cooperazione tra amministrazione e contribuenti e nel quadro della costruzione di un rapporto sempre più fondato sul dialogo e sulla reciproca collaborazione, ad una rivisitazione del predetto istituto.

Leggi dopo

Dirigenti illegittimi, danni risarcibili e responsabilità

30 Settembre 2015 | di Ciro De Vincenzo

CTR Lombardia, Milano

Statuto del contribuente

La sentenza n. 2842 della CTR Lombardia, del 25 giugno scorso, costituisce da un lato, una legittima e condivisibile applicazione giurisprudenziale dell'arresto costituzionale di cui alla sentenza n. 37, del 17 marzo 2015, e, dall'altro, un momento interessantissimo di apertura di un dibattito dottrinario su alcuni punti non del tutto chiariti dal giudice delle leggi.

Leggi dopo

L’estensione della confisca per equivalente ai reati tributari

23 Settembre 2015 | di Vincenzo Mongillo

Fermo amministrativo

L'etichetta terminologica "confisca" comprende, a seguito di numerosi interventi legislatvi, ipotesi normative eterogenee, tanto da far assumere alla misura di sicurezza patrimoniale della confisca una natura "proteiforme".

Leggi dopo

L'evoluzione del reato di omesso versamento IVA tra soglie legislative e censure di legittimità costituzionale

23 Settembre 2015 | di Marco Siragusa

Omessa dichiarazione

La nota sentenza della Corte Costituzionale n. 80 dell'8 aprile 2014 ha ridefinito in euro 103.291,38 la soglia di punibilità del reato di omesso versamento dell'imposta sul valore aggiunto (art. 10-ter d.lgs. 74/2000) limitatamente ai fatti commessi sino alla data del 17 settembre 2011. Per i fatti di epoca successiva, invece, si applica il limite di euro 50.000 previsto dall'art. 10-bisd.lgs. 74/2000.

Leggi dopo

Nel primo anno di attività valgono le regole “vecchie”

23 Settembre 2015 | di Federico Gavioli

Agenzia delle Entrate, Risoluzione 14 settembre 2015, n. 80

Trasparenza fiscale

Le società di capitali che iniziano la loro attività nel corso del 2015 e che intendono optare per il regime di trasparenza fiscale di cui agli artt. 115 e 116 del D.P.R. n. 917/86, possono ancora farlo utilizzando le “vecchie” regole che prevedono l’invio del modello di comunicazione entro il primo dei tre periodi di imposta della società partecipata. L’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 80/E, del 14 settembre 2015, ha chiarito che una società che “nasce” nel corso del 2015 e che vuole optare per la cd. “Trasparenza fiscale”, può continuare ad utilizzare la vecchia comunicazione, cioè quella in vigore fino alla fine del 2014, utilizzando il modello approvato con il Provvedimento del 4 agosto 2004.

Leggi dopo

Note variazione IVA nei confronti di debitori in procedure concorsuali o preconcorsuali: temi inesplorati ai fini contabili e fiscali

16 Settembre 2015 | di Giuliano Buffelli

IVA

L’Autore affronta un tema di grande interesse pratico, quello delle conseguenze fiscali e contabili derivati dalle note di variazioni IVA all’interno delle diverse procedure di gestione della crisi d’impresa. Le questioni, ancora poco trattate ma di grande importanza, sono prese in esame attraverso esempi pratici, con riferimento specifico alle singole procedure di concordato preventivo e accordo di ristrutturazione dei debiti.

Leggi dopo

Prove atipiche anche dal computer sequestrato al professionista

04 Settembre 2015 | di Isabella Buscema

Mezzi di prova

È legittimo l'accertamento fondato sulla c.d. lista "Pessina", poiché è improbabile che il nome dei contribuenti sia accidentalmente finito nel computer dell'avvocato elvetico. L'esistenza di un conto corrente in un Paese con il quale l'Italia non ha scambio di informazioni fiscali non costringe il Fisco italiano a verificare in loco le disponibilità estere, in quanto non è possibile un riscontro collaborativo. Lo ha precisato la Cassazione con la sentenza n. 17183 del 26 agosto scorso.

Leggi dopo

Gli adempimenti fiscali all’apertura della procedura di fallimento: il caso dell’assenza di documentazione contabile della società fallita

24 Agosto 2015 | di Giuliano Buffelli

Omessa dichiarazione

Non di rado il professionista chiamato a rivestire il ruolo di curatore nell’ambito della procedura di fallimento, soprattutto nell’attuale congiuntura economica negativa, si trova spesso nell’assoluta mancanza di documentazione contabile/amministrativa della società fallita, in particolare quella relativa al periodo che strettamente precede la sentenza dichiarativa di fallimento. Elemento quest’ultimo di assoluto rilievo e qualificante della relazione che il curatore predisporrà per il Tribunale ai sensi dell’articolo 33, comma 1, l. fall.

Leggi dopo

I Decreti attuativi secondo Assonime

07 Agosto 2015 | di Massimiliano Sironi

Delega fiscale

La recente Circolare n. 25/2015 di Assonime analizza gli schemi di decreti attuativi della delega per la riforma del sistema fiscale e, alla luce dei principi in essa contenuti, ne valuta il grado di perseguimento. Inoltre, vengono proposte soluzioni di carattere operativo sulla revisione del sistema sanzionatorio, della riscossione, del contenzioso tributario e degli interpelli che laddove recepite, potrebbero consentire una maggiore efficacia nell’attuazione dei principi della delega.

Leggi dopo

Pagine