Focus

Focus su Cartelle esattoriali

La definizione agevolata delle controversie tributarie

29 Ottobre 2018 | di Saverio Capolupo

Art. 6, D.L. 23 ottobre 2018

Cartelle esattoriali

Come principio generale è possibile definire, a seguito di domanda del contribuente, le controversie attribuite alla giurisdizione tributaria in cui è parte l'Agenzia delle Entrate pendenti in ogni stato e grado del giudizio, compreso quello in cassazione e anche a seguito di rinvio. Il ruolo di “parte” va inteso in senso formale e, quindi, riferito alle sole ipotesi in cui l'Agenzia delle Entrate sia stata evocata in giudizio o, comunque, sia intervenuta. Sono interessate le controversie in cui il ricorso in primo grado è stato notificato alla controparte entro la data del 24 ottobre 2018 e per le quali alla data della presentazione della domanda il processo non si sia concluso con pronuncia definitiva. Il contenzioso può essere definito versando un importo pari al valore della controversia costituito dall'importo del tributo al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate con l'atto impugnato.

Leggi dopo

La prescrizione quinquennale delle cartelle esattoriali

06 Febbraio 2017 | di Domenico Chindemi, Marisa Abbatantuoni

Cass. civ.,

Cartelle esattoriali

I giudici della Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la recente sentenza n. 23397 del 17 novembre 2016, offrono una nuova occasione di riflessione in ordine alla complessa tematica del termine prescrizionale da applicare in ambito tributario. La Corte di Cassazione, riconfermando, in parte, il precedente orientamento precisa l'inapplicabilità della disposizione di cui all'art. 2946 c.c. all'ingiunzione fiscale per assenza di giudicato, statuendo che la mancata impugnazione di un atto impositivo nonché di un atto della riscossione, non permette l'applicabilità dell'art. 2953 c.c. e quindi la conversione del termine di prescrizione breve in quello ordinario decennale. Secondo gli ermellini gli “atti amministrativi di autoformazione” quali l'atto di accertamento, la cartella di pagamento o l'avviso di addebito dell'Inps non sono suscettibili di passare in giudicato, con conseguente esclusione dell'applicazione dell'art. 2953 c.c. (c.d. actio iudicati) riservata solamente alle sentenze di condanna o al decreto ingiuntivo.

Leggi dopo

Rottamazione dei ruoli: vantaggi e criticità

24 Ottobre 2016 | di Saverio Capolupo

Cartelle esattoriali

Tra le misure fiscali di fine anno è prevista anche la c.d. rottamazione delle cartelle di pagamento inviate da Equitalia. La soppressione dall'agente di riscossione, nonché i provvedimenti che detteranno l'incorporazione nell'Agenzia delle Entrate, impongono un'analisi organica sul superamento di alcune criticità la cui soluzione appare difficile e foriera, nel contempo, anche di ingiustificate discriminazioni. Vantaggi, complessità, valutazioni sul presunto gettito e abbandono del formalismo si accompagnano nella direzione di un'auspicata revisione globale della disciplina vigente.

Leggi dopo

Lo stato dell'arte del contenzioso con Equitalia

30 Giugno 2015 | di Marco Ligrani

Cartelle esattoriali

Le controversie fiscali avverso Equitalia investono una quota rilevante delle cause pendenti davanti alle Commissioni Tributarie, a fronte dell’elevato numero di contribuenti nei confronti dei quali viene avviata l’attività di riscossione coattiva. Di qui l'utilità, grazie anche all’esposizione di esempi pratici, di un’analisi accurata dei rilievi che sono tipici del contenzioso con l’Agente della riscossione, unitamente alla disamina delle peculiarità processuali che contraddistinguono lo svolgimento del giudizio. I più recenti sviluppi giurisprudenziali di Cassazione al centro de “Il contenzioso con Equitalia: profili giuridici e casi pratici”.

Leggi dopo