Bussola

Accertamento induttivo

09 Febbraio 2017 |

Sommario

Inquadramento | Accertamento analitico induttivo | Accertamento induttivo "puro" | Cause che fanno scattare l’inattendibilità delle scritture contabili - irregolarità formali | Cause che fanno scattare l’inattendibilità delle scritture contabili - irregolarità sostanziali | Accertamento induttivo nelle associazioni no-profit | Riferimenti |

 

  In deroga al criterio dell’accertamento analitico, il reddito d’impresa delle persone fisiche, delle società commerciali ed il reddito da lavoro autonomo degli artisti e dei professionisti può essere determinato in via induttiva, cioè in maniera extracontabile, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 39 comma 1 lett. d) e comma 2 del D.P.R. n. 600/73.   L’accertamento analitico induttivo è regolato dall’articolo 39 comma 1 lett. d), il quale stabilisce che nel caso gli elementi indicati nella dichiarazione dei redditi (o nei suoi allegati) siano incompleti, falsi o inesatti, e ciò risulti da ispezioni o verifiche compiute nei confronti del contribuente, e da dati e notizie raccolte dell’ufficio, mediante l’esercizio dei suoi poteri ai sensi dell’articolo 32 del DPR n. 600/1973, l’amministrazione finanziaria ha la possibilità di desumere l’esistenza di attività non dichiarate o l’inesistenza di passività dichiarate sulla base di presunzioni semplici, purché gravi, precise e concordanti.   In base a quanto sopra esposto si può desumere che l’accertamento induttivo si distingue in: accertamento analitico induttivo di cui all’articolo 39, comma 1, lett. d) del DPR n. 600/1973. In questo caso, l’amministrazione finanziaria può fondare l’accertamento solo in presenza di presunzio...

Leggi dopo