News

Violazioni formali nella comunicazione della variazione IVA: non scatta la sanzione

 

Dieci giorni di ritardo nella comunicazione dei dati IVA - e della relativa variazione - non determinano un pregiudizio all’azione di controllo esercitabile dall'Amministrazione Finanziaria. Non si applicano, quindi, le sanzioni in ipotesi di violazione meramente formale.

 

Nel caso di specie la CTR siciliana ha respinto il ricorso dell’Agenzia delle Entrate ricordando come il principio eurounitario di proporzionalità abbia assunto pieno valore in ambito sanzionatorio e trovi piena attuazione nell’art. 10 L. 212/2000 (norma dello Statuto del Contribuente che sancisce la regola di non punibilità delle violazioni di natura soltanto formale). 

Leggi dopo