News

Imposta di registro: la questione di legittimità al vaglio della Corte Costituzionale

 

Con l’ordinanza interlocutoria n. 23549, depositata in data 23 settembre 2019, la Corte di Cassazione ha dichiarato rilevante e non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale, con riferimento agli artt. 3 e 53 Cost., dell’art. 20 DPR 131/86, a seguito delle modifiche degli art. 1 c. 87 L. 205/2017 e art. 1 c. 1084 L. 145/2018, nella parte in cui dispone che, nell’applicare l’imposta di registro secondo la intrinseca natura e gli effetti giuridici dell’atto presentato alla registrazione, anche se non vi corrisponda il titolo o la forma apparente, si debbano prendere in considerazione unicamente gli elementi desumibili dall’atto stesso, "prescindendo da quelli extratestuali e dagli atti ad esso collegati, salvo quanto disposto dagli articoli successivi”.

 

In questo modo, prosegue la pronuncia nel rimettere la questione alla Corte Costituzionale, si assisterebbe:

  • ad una violazione del principio della capacità contributiva, privilegiando l’applicazione della forma sulla sostanza: ciò, in contrasto con il principio cardine dell’intero sistema fiscale, che afferma la prevalenza della sostanza sulla forma;
  • ad una violazione del principio di uguaglianza, tassando diversamente la medesima manifestazione economica.  
Leggi dopo