Giurisprudenza commentata

Prelevamenti bancari non giustificati: per i professionisti non vige la presunzione legale

30 Ottobre 2017 |

Cass. civ., sez. trib.

IRPEF

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

Riguardo l’attività di accertamento fiscale e, in particolare, la presunzione legale disposta dall’art. 32 del d.P.R. n. 600/1973, relativa ai versamenti effettuati su c/c bancari intestati a professionisti o lavoratori autonomi permane l’obbligo, da parte di quest’ultimo di provare in modo analitico l’estraneità dei versamenti suddetti alla formazione del proprio reddito imponibile.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >