Giurisprudenza commentata

Classificazione di “parti” e “accessori”: per la voce doganale rileva la funzione specificamente svolta dal prodotto

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

In base alla nomenclatura combinata, un prodotto è da classificare nella voce o sottovoce doganale di un altro prodotto solo se ne costituisce parte e, dunque, sia indispensabile per il funzionamento, ovvero accessorio, e quindi tale da renderlo atto a un particolare lavoro e da conferirgli possibilità supplementari o, ancora, da metterlo in grado di assicurare servizi ulteriori rispetto alla funzione principale (Cass. 15 ottobre 2019 n. 25966).

Leggi dopo