Focus

L'attestazione di conformità dei documenti nel processo tributario telematico. Oneri e regimi applicativi

27 Marzo 2019 |

art. 16 D.L. 119/18 conv. in L. 136/18
art. 25 bis D.Lgs. 546/92

Processo telematico

Sommario

Premessa | L'attestazione di conformità nel processo tributario telematico introdotta dal D.L. 119/18. I soggetti onerati | Peculiarità, modalità attuative e criticità dell'attestazione di conformità nel PTT | In conclusione |

 

Con il D.L. 119/2018, convertito in L. 136/2018, sono state previste diverse innovazioni nell'ambito del processo tributario telematico (PTT) – in primis l'obbligatorietà del rito telematico a partire dal primo luglio 2019 - tra le quali l'onere in capo al “difensore e il dipendente di cui si avvalgono l'ente impositore, l'agente della riscossione ed i soggetti iscritti nell'albo di cui all'articolo 53 del D. Lgs. 446/97” di attestare la conformità degli atti informatici notificati ovvero depositati anche per immagine, nel fascicolo telematico, secondo le modalità di cui al D. Lgs. 82/2005. Il Legislatore ha inteso così uniformare il processo tributario telematico a quello civile ed amministrativo per i quali già sono previste diverse modalità di attestazione di conformità da parte di magistrati, professionisti e cancellieri.

Leggi dopo