Focus

L'accertamento fiscale in pendenza di procedura fallimentare. La posizione giuridica del fallito e della curatela

Sommario

Premessa | La posizione giuridica del fallito e della curatela fallimentare | Effetti e conseguenze dell'impugnazione dell'avviso di accertamento | In conclusione |

 

In pendenza di una procedura concorsuale - nella specie il fallimento - l'Agenzia delle Entrate, ovvero diverso ente impositore, possono eseguire verifiche fiscali concernenti annualità d' imposta anteriori alla pubblicazione della sentenza dichiarativa di fallimento, con conseguente emissione di un avviso di accertamento che dovrà essere notificato al fallito nonché alla procedura fallimentare rappresentata dal curatore atteso che, ai sensi dell'art. 43 Legge Fallimentare, nelle controversie, anche in corso, relative a rapporti di diritto patrimoniale del fallito compresi nel fallimento sta in giudizio il curatore. Ciò al fine di poter rendere opponibili alla massa fallimentare gli esiti ed effetti della verifica e l'eventuale credito tributario derivante, nonché per poter garantire alla procedura stessa il legittimo esercizio di difesa a tutela della par condicio creditorum.

Leggi dopo