Focus

Ai fini ICI le agevolazioni per l’abitazione principale spettano solo se l’immobile è dimora di tutta la famiglia

Sommario

La vicenda e la normativa ICI | L’ordinanza della Corte di Cassazione | Considerazioni alla luce della successiva normativa IMU | Ai fini IMU, coniugi con abitazioni principali diverse solo in casi particolari | Coniuge assegnatario della ex casa coniugale | In conclusione |

 

In tema di ICI, ai fini della spettanza della detrazione e dell’applicazione dell’aliquota ridotta prevista per le abitazioni principali dall’art. 8 del D.Lgs. n. 504/1992, un’unità immobiliare può essere riconosciuta abitazione principale solo se costituisca la dimora abituale non solo del ricorrente, ma anche dei suoi familiari, non potendo sorgere il diritto alla detrazione nell’ipotesi in cui tale requisito sia riscontrabile solo nel soggetto passivo ed invece difetti nei familiari». È quanto ha precisato la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 10167 depositata il 27 aprile 2018: un’unità immobiliare può essere riconosciuta abitazione principale solo se costituisce la dimora abituale non solo del ricorrente, ma anche dei suoi familiari.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >