Homepage

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Società cancellate: gli ex soci rispondono anche in mancanza di ripartizione di attivo

17 Agosto 2017 | di Gabriella Antonaci

Cass. civ.

SRL

I soci di società cancellata dal registro delle imprese sono destinati a succedere nei rapporti debitori già facenti capo alla società cancellata, ma non definiti all'esito della liquidazione, indipendentemente dalla circostanza che essi abbiano goduto di un qualche riparto in base al bilancio finale di liquidazione. Che i soci abbiano goduto, o no, di un qualche riparto in base al bilancio finale di liquidazione non è dirimente neanche ai fini dell'esclusione dell'interesse ad agire del Fisco creditore.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

L'omessa notifica dell'atto presupposto comporta la nullità di quello consequenziale

16 Agosto 2017 | di La Redazione

CTP Crotone

Cartelle esattoriali

L’omissione della notifica dei ruoli, in quanto atti presupposti rispetto alla cartella di pagamento, costituisce un vizio procedurale che comporta la nullità...

Leggi dopo
News News

On line l’istanza per la definizione agevolata delle controversie tributarie

13 Agosto 2017 | di La Redazione

Condono e sanatorie

E’ on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate l’applicazione denominata DCT per formulare l’istanza di definizione agevolata delle liti pendenti di cui sia parte l’Agenzia delle Entrate.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

Le onlus sono tenute al pagamento del contributo unificato

11 Agosto 2017 | di La Redazione

CTR Lazio

Imposta di bollo

Il termine "atti" di cui all’art. 27-bis della tabella B allegata al d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642, il quale prevede specifiche esenzioni dall’imposta di bollo...

Leggi dopo
Focus Focus

La problematica dell'esterovestizione per le multinazionali: uno studio di Assonime

10 Agosto 2017 | di Fabio Gallio, Simone Furian

Esterovestizione

Nella Nota e studio n. 17 del 2016, Assonime affronta le principali problematiche di natura societaria e tributaria che le multinazionali incontrano. Tra gli argomenti trattati, Vi è anche quello dell'esterovestizione. Tema che riguarda le multinazionali con capogruppo in Italia che si espandono nei mercati esteri attraverso le subsidiaries. Le criticità nascono dal fatto che si contesta la riconducibilità alla potestà impositiva nazionale della subsidiary estera, quale insediamento fittizio o gestito direttamente dall'Italia. Di seguito un'attenta disamina degli Autori.

Leggi dopo
News News

Prima casa: tra IVA e applicazione delle agevolazioni

09 Agosto 2017 | di La Redazione

Cass. civ., sez. trib., 2 agosto 2017, n. 19214

Prima casa

Caso peculiare giunto all'attenzione dei Supremi Giudici che, con l'ordinanza n. 19214/2017, si sono espressi in tema di agevolazioni prima casa.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

Il collegamento funzionale tra compravendita e remissione del debito non sconta l'imposta di donazione

08 Agosto 2017 | di La Redazione

CTR Lombardia

Imposta sulle successioni e donazioni

L’attribuzione patrimoniale che avviene attraverso una remissione di debito sorto tra le parti in conseguenza di una compravendita...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Grava sul notificante l'onere di verificare il trasferimento dello studio del difensore del notificato

07 Agosto 2017 | di Cristiano Gobbi

Cass. civ., sez. trib,

Comunicazioni e notificazioni

È inammissibile il ricorso per cassazione proposto dall'Agenzia delle Entrate in quanto non risulta perfezionata la notificazione dell'atto presso il domicilio eletto dal contribuente ossia presso lo studio del procuratore difensore successivamente trasferito altrove.

Leggi dopo
La Bussola LA BUSSOLA

Acconti (d’imposta e di pagamento)

04 Agosto 2017 | di Pierpaolo Ceroli, Luisa Miletta

Nel corso dei vari periodi di imposta, i contribuenti sono tenuti al versamento di acconti con riferimento al debito di imposta risultante dalla dichiarazione dei redditi che presentano l’anno precedente. L’acconto, infatti, si calcola sulla base dell’imposta che si deve versare l’anno precedente e segue differenti modalità di calcolo a seconda dell’imposta cui si riferisce. Entro il 30/06/2017 (a seguito della modifica operata dal Decreto Fiscale - D.L. n. 193/2016, art. 7-quater, co. 19 e 20) la prima rata, e il 30/11/2017, seconda rata o rata unica, i contribuenti sono tenuti al versamento degli acconti IRPEF, IRES, IRAP, IVS, (per artigiani e commercianti), nonché del contributo INPS per la gestione separata dei lavoratori autonomi. I versamenti possono essere eseguiti con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40% se operati entro il 31 luglio 2017 (poichè il 30 luglio cade di domenica). I professionisti, inizialmente esclusi dalla proroga, sono stati ricompresi tra i soggetti beneficiari con un successivo Comunicato stampa del MEF del 26 luglio 2017. Il comunicato ha anche chiarito che versamenti interessati dalla nuova scadenza sono quelli derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione in materia di imposta sul valore aggiunto di imprenditori e lavoratori autonomi.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

Sì alla dichiarazione dei canoni di locazione di immobili pignorati

04 Agosto 2017 | di La Redazione

CTR Lombardia

Locazione

Nel caso di nomina di custode giudiziario non viene meno il possesso del soggetto con il bene, poiché il terzo (il custode) è un mero detentore qualificato...

Leggi dopo

Pagine